3 modi per ridurre l’impatto del prezzo del carburante sulla tua attività

A 2 euro o più il litro di carburante, si vede la redditività della vostra attività andare in fumo? Questo è il momento giusto di cercare soluzioni che aiutano a ridurre i consumi di carburante – durevolmente. 

Di fronte all’esplosione dei prezzi alla pompa, e all’imprevedibilità della loro evoluzione ridurre il consumo di carburante è l’unica risposta possibile per tutti i professionisti che non possono fare a meno del loro veicolo. Questo va dai paramedici ai trasportatori, passando per tutti gli artigiani e fornitori di servizio che intervengono presso i loro clienti e per chi né il telelavoro né i trasporti pubblici né le soluzioni di mobilità sostenibile sono opzioni realistiche.

L’opportunità di prendere due piccioni con una fava 

Le crisi sono un contesto favorevole all’accelerazione del cambiamento considerati da tempo necessari, ma costantemente respinti perché il rapporto costo/beneficio non è abbastanza significativo. In tal senso, il superamento della soglia psicologica dei “2 euro al litro” e il prezzo del gasolio che in alcuni giorni supera quello della benzina possono fare di più per la transizione energetica di tutti discorsi razionali sulla necessità di ridurre drasticamente le emissioni di gas serra per limitare gli effetti del cambiamento climatico. In altre parole, cercando oggi di ridurre l’impatto del prezzo dei carburanti sulla vostra attività, si agisce non solo nell’interesse della propria azienda ma anche a favore del clima. Rimandare le decisioni che si possono prendere ora per ridurre in modo sostenibile le spese per il carburante è tanto più rischioso in quanto la cosiddetta decarbonazione è più che mai all’ordine del giorno, per ragioni sia geopolitiche che ecologiche.

Ecco tre tipi di soluzioni che si possono realizzare e, per maggiore efficienza, coniugare, per proteggere la vostra redditività e preservare la qualità del servizio, migliorando al contempo la vostra impronta carbonio. 

Passare all’elettrico  

Abbandonare la motorizzazione termica, significa dire addio ai dolorosi passaggi alla pompa e ridurre a zero le emissioni di CO2. Ricaricare le batterie di un’auto elettrica è da 3 a 4 volte più economico che fare un pieno di benzina/gasolio. Anche se il prezzo dell’elettricità è anche lui aumentato molto (poiché è indicizzato a quello del gas), passare all’auto elettrica appare come la soluzione ideale, in particolare nei due casi seguenti:

  • I propri collaboratori non percorrono lunghe distanze quotidiane. Di conseguenza possono guidare un giorno intero senza fermarsi a una stazione di ricarica. Le batterie diventano sempre più efficienti, ma l’autonomia effettiva dei modelli più comuni supera raramente 300 chilometri. I tempi di ricarica migliorano anche ma, anche con i punti di ricarica veloci, ci vogliono 20 minuti per ricaricare l’80% della batteria e 30 minuti per i 20% restanti. Così tanto tempo durante il quale, i vostri collaboratori non guidano e non sono in servizio presso i vostri clienti… 
  • Operate in ambienti urbani densi. Le zone a bassa emissione (ZFE) si moltiplicano. A più o meno breve termine secondo le città, solo i veicoli meno inquinanti sono o saranno autorizzati a circolare. Ricordiamo che i veicoli diesel dovrebbero scomparire da Parigi nel 2024. I veicoli elettrici, auto o veicoli commerciali leggeri, mettono al riparo da queste restrizioni. 

Tuttavia se opterete per questa soluzione, incontrerete due freni importanti :

  • Il prezzo di acquisto. Il prezzo dei veicoli elettrici rimane nettamente superiore a quello dei veicoli a motore termico. Tutto dipende dagli aiuti a cui avete diritto. Se rinuncia ai veicoli a benzina immatricolati prima del 2006 o un veicolo diesel immatricolato prima del 2011, è idoneo all’incentivo statale per la conversione. Può raggiungere 9 000 euro per un veicolo elettrico e 5 000 euro per un’auto. Si possono aggiungere aiuti locali, fino a 6 000 euro in Île-de-France. Buono a sapersi, tale aiuto è accessibile che il veicolo sia nuovo o usato, acquistato o noleggiato. Il noleggio può essere la soluzione giusta per convertire l’intero parco macchine delicatamente. Fatte due conti, tenendo conto naturalmente delle economie che farete senza fare rifornimento da un giorno all’altro.
  • La disponibilità. L’aumento del prezzo del carburante boosta la domanda di elettricità, ma la crisi del covid, la carenza di alcuni semi-conduttori e la saturazione del trasporto marittimo hanno rallentato la produzione e la consegna delle auto nuove. Così da allungare i termini, per tutti i tipi di auto. In Francia, sono necessari almeno 6 mesi… La situazione è anche molto tesa sul mercato del noleggio, dove l’offerta supera la domanda, e ancora molto limitato sul mercato dell’usato. 

Il « retrofit », un’opzione valida? 

Il retrofit elettrico consiste nel convertire un veicolo termico in un veicolo elettrico. Questa operazione, autorizzata in Francia dopo il decreto del 13 marzo 2020, sembra particolarmente interessante nell’ attuale contesto. E anche virtuosa da un punto di vista ecologico poiché il riutilizzo del veicolo rappresenta un’importante economia di materia. Purtroppo la filiera è ancora molto poco sviluppata e tutti modelli sono lontani dal poter essere «retrofitti ». 

Per trasformare il tuo veicolo diesel o a benzina in un veicolo elettrico, deve essere in circolazione da almeno 5 anni. Poi bisogna che il kit di conversione esista sul mercato per il modello che possiedi e che trovi un fornitore autorizzato per installarlo. Una volta soddisfatte tali condizioni, il costo dell’operazione rimane relativamente elevato, ma comunque più interessante dell’acquisto di un veicolo elettrico nuovo. Secondo uno studio recente de l’Ademe, bisogna spendere tra 12 000 e 15 000 euro per una utilitaria e tra 22 000 e 27 000 euro per un furgone. Gli aiuti possono ridurre la fattura di 5 000 euro. L’Ademe ritiene che tale soluzione sia pertinente per le imprese che possiedono una flotta di veicoli leggeri e, soprattutto, per le imprese facendo uso di furgoni attrezzati, tipicamente quelli degli artigiani. Il retrofit evita infatti di riattrezzare il veicolo e permette di circolare nelle zone a bassa emissione. 

Distribuire software per ottimizzare la pianificazione dei giri 

Che si utilizzino veicoli termici o elettrici, è senz’altro consigliabile distribuire software che consente di ridurre il numero di chilometri percorsi ottimizzando i percorsi, regolari o no. Con veicoli termici, il beneficio è immediato: le aziende che utilizzano le soluzioni per l’ottimizzazione che Nomadia realizza risparmiano tra il  10% e il  30% sulle loro spese di carburante. Per esempio, con la nostra soluzione TourSolver

  • Domino’s Pizza ha ridotto i costi di trasporto del 15% 
  • lI fornitore di gas industriali e speciali Messer ha ridotto del 10% i chilometri percorsi dai suoi camion di consegna. 

Se siete già passati all’elettrico, otterrete un ottimo risparmio ma su importi inferiori. L’utilità di un software di ottimizzazione rimane tuttavia intera perché ottimizzando la pianificazione e il chilometraggio di ogni giro, è anche possibile eliminare i passaggi alla stazione di ricarica in pieno giorno. Il tempo così risparmiato consente di aumentare il numero di punti serviti per percorso o il numero d’interventi al giorno. 

Indipendentemente dalle caratteristiche della vostra flotta di veicoli, un software di ottimizzazione consente di massimizzare il tasso di utilizzo dei veicoli. Significa che potete fare tanto o di più con meno veicoli. Non solo si consuma complessivamente meno energia, ma si fanno ulteriori risparmi sui costi di manutenzione e assicurazione del vostro parco. Per esempio, per lo stesso numero di giri, Sodexo utilizza 10 veicoli in meno rispetto a prima e risparmia 150 000 euro all’anno. 

> Calcolare quanto si può risparmiare 

Adottare la guida ecologica 

Adottare la guida ecologica 

Di tutte le piste possibili per ridurre l’impatto del prezzo del carburante sulla vostra attività, la guida ecologica è senza dubbio quella che richiede l’investimento iniziale minimo. Formando tutti i conducenti ai principi della guida ecologica, le aziende riescono a ridurre del 15% al 20% il loro consumo di carburante. Su flotte di grandi dimensioni, questo non solo rappresenta risparmi molto significativi, ma anche una notevole riduzione delle emissioni di GES o che, logicamente, meno si brucia carburante, meno si emette. 

La formazione viene rafforzata dall’installazione nei veicoli di dispositivi di guida ecologica che evitano ai conducenti di tornare alle loro vecchie cattive abitudini. L’offerta di dispositivi si è notevolmente ampliata ed è ormai possibile dotare un veicolo per 150 euro – un investimento molto ragionevole da mettere accanto a una riduzione di consumo che va dal 5% al 15%, secondo i contesti e del tipo di veicoli. 

Non avete alcun controllo sull’evoluzione del prezzo dei carburanti. Non è una ragione per subire aumenti che compromettono la vostra redditività e che possono essere fatali per la vostra attività. Grazie alle piste che abbiamo descritto in questo articolo, è possibile ridurre in modo significativo e duraturo i consumi di carburante, proteggere la vostra azienda e i posti di lavoro dei vostri collaboratori, e limitare la vostra impronta carbonio. 

Ecco 3 buoni motivi per passare all’azione subito! 

Condividere

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email